Posted on

Effetti del lockdown sul mercato immobiliare in Sud Sardegna e Cagliari Hinterland e Litorale.


Avete presente il detto: “Casa dolce Casa”? Dopo essere stati rinchiusi per mesi in casa con il lockdown, continuiamo a pensare che la nostra casa sia il posto migliore dove rilassarci?
Dipende!

Sicuramente il lockdown ha influenzato il nostro modo di considerare gli spazi in cui viviamo con effetti non solo nel settore immobiliare residenziale-turistico ma anche in quello commerciale.
E’ quasi sparita la divisione fra lavoro e casa e questo ha creato la domanda di luoghi sempre più ibridi, case-ufficio, ma anche le sedi aziendali che sembreranno sempre più case e meno ufficio.

Quindi quali sono gli effetti di questi cambiamenti socio-economici sul mercato immobiliare?
Per quanto riguarda gli immobili residenziali saranno più richiesti quelli che sfruttano lo spazio in modo più intelligente ed ibrido, la casa-ufficio, con connessione ad internet, che includa quanto più verde possibile e spazi all’aperto.

Alla Fenice Immobiliare abbiamo potuto osservare un significativo aumento del numero di persone che cercano casa più lontano dai centri urbani, con giardini più grandi e spazio per un ufficio per lo smart working. Quindi anche il turistico diventa residenziale, laddove ci sia una connessione ad internet. Questo potrebbe non essere un cambiamento permanente, ma il coronavirus sta sicuramente facendo riflettere molte persone su come e dove lavorano e vivere.

Chi cerca casa sembra anche molto attento agli aspetti energetici, forse anche sotto la spinta del bonus 110%. Aumenta la domanda di case sempre più efficienti ed autosufficienti dal punto di vista energetico, abitazioni che consumano ma anche producono e scambiano energia.

Le sedi aziendali e molto probabilmente anche le scuole saranno posti diversi, dove ci si incontrerà per le riunioni di team, per attività di formazione e per condividere momenti di scambio e creatività. Bisognerà rendere gli spazi più sicuri, quindi sarà importante la progettazione e programmazione della luce, aria e suono. Probabilmente saranno necessari ambienti ampi per garantire il distanziamento, dove sarà necessario far circola l’aria per garantire un ricambio e trovare soluzioni perchè il suono non diventi frastuono, come accade quando le voci rimbombano negli ambienti ampi.

Per il settore degli immobili commerciali, i cambiamenti sono molto più drammatici, soprattutto per i piccoli negozi al dettaglio. Già prima del Covid i locali commerciali stavano subendo una crisi, compresi quelli di servizi che non puoi comprare online come bar, ristoranti, parrucchieri ed estetista, che poi hanno subito un ulteriore danno a causa del Corona Virus.
Hanno continuato a prosperare anche durante il Covid i locali commerciali nel settore del cibo fresco (supermercatini, orto-frutta, macellai e pescivendoli), e anche qui abbiamo assistito a degli interessanti cambiamenti di tendenza, come ordini online e spedizioni a domicilio dei loro prodotti. Inoltre abbiamo visto una valorizzazione dell’opinione pubblica riguardo ai benefici dei prodotti km zero sia per la salute, l’ambiente e l’economia locale.

Per il momento non abbiamo visto un calo delle vendite di immobili residenziali e turistici della provincia di Cagliari in Sardegna.

Visita le proposte della nostra agenzia immobiliare: proponiamo immobili in vendita a Cagliari Hinterland, Sud Sardegna e Litorare da Quartu Sant’Elena a Solanas.